L’Associazione Salvatore Calabrese ha l’obiettivo di perseguire la solidarietà sociale nei campi della promozione culturale, artistica e sanitaria per diffondere ed incrementare lo sviluppo sociale stesso ed il bene comune.

L’Associazione studia, utilizza e promuove il concetto del “time sharing” sociale: cioè mettere a disposizione, per il raggiungimento degli obiettivi, parte del proprio tempo e della propria cultura. Si tratta quindi di un progetto di aggregazione delle risorse umane (intellettuali, tecniche, organizzative, artistiche, scolastiche, amministrative) per la realizzazione dei vari obiettivi. In via strumentale per il raggiungimento dei propri obiettivi dell’Associazione concentra il suo impegno in diverse aree operative:

 Area di sviluppo storico-culturale

Promuove e valorizza la personalità di coloro che hanno contribuito al progresso culturale, sociale ed umano della comunità; quindi la creazione di uno spazio espositivo con un angolo “il taccuino della nostra memoria”, che invita al racconto e aiuta nell’acquisizione dei ricordi. Promuove, organizza e/o sponsorizza manifestazioni ed eventi culturali e artistici.
  
                                                                                     Area di sviluppo di solidarietà

L’Associazione vuol promuovere e finanziare centri di accoglienza, soprattutto infantile, raccogliendo fondi e commercializzando prodotti. Può collaborare con altre Associazioni e con Fondazioni con l’obiettivo di ampliare gli ambiti di impegno sociale.
 
                                                                                  Area di sviluppo medico-sanitario

Promuovere e diffondere la cultura della Prevenzione e della Continuità Assistenziale prevalentemente in ambito oncologico. Creare una rete di assistenza medica in cui si integra il senso di solidarietà e fratellanza tra medico e malato, attraverso consulenze o medicazioni gratuite erogate durante le giornate organizzate, con la normale attività sanitaria degli ospedali di riferimento e di provincia, potenziandone la collaborazione e riducendo i disagi dei pazienti.